Andrea Colorio è avvocato e dottore di ricerca internazionale delle università di Milano-Bicocca, Parigi 1 Panthéon-Sorbonne e Szeged, nonché Partner dello Studio Legale Platter Ausserer Bauer + Partner dal 2018.

E' entrato a far parte dello Studio nel 2009, dopo il conseguimento del Master of Business Administration presso la Business School del Politecnico di Milano (MIP), e concentra la propria attività professionale prevalentemente nei settori del contenzioso civile e tributario, nonché nell'ambito dell'arbitrato nazionale e internazionale. In campo giudiziario si è occupato, tra l’altro, di azioni contro enti pubblici dinanzi alla giurisdizione ordinaria, azioni di responsabilità nei confronti di amministratori di società, procedimenti legati a responsabilità contrattuale ed extracontrattuale, contenzioso bancario e tributario complesso e tutela dei diritti umani dinanzi alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. Ha svolto, inoltre, la funzione di difensore in procedimenti di arbitrato aventi natura internazionale ed in negoziazioni in materia di arbitrato d’investimento sulla base di trattati bilaterali tra Stati (BIT), nonché la funzione di segretario arbitrale e quella di arbitro per nomina di parte dinanzi alla Corte Internazionale di Arbitrato della Camera di Commercio Internazionale (ICC). E’ past member delle associazioni arbitrali ICC YAF, ICDR-Young & International, ASA Below 40 e LCIA YIAG e membro del consiglio direttivo della Sezione italiana del Club Español del Arbitraje. Oltre che in Italia, ha partecipato come relatore o uditore a conferenze e seminari in Francia, Ungheria, Regno Unito, Grecia, Germania, Slovenia, Austria, Croazia, Cina, Emirati Arabi, Qatar e negli Stati Uniti. Prima dell’ingresso nello Studio Legale Platter Ausserer Bauer + Partner ha collaborato, tra l’altro, con lo Studio internazionale Gianni, Origoni, Grippo & Partners (Dipartimento di M&A), nel quale ha iniziato la propria attività dopo la laurea, ottenuta con lode presso l’Università di Milano-Bicocca. Parla italiano, inglese, tedesco, spagnolo e francese.